Dario Galimberti: Home

Lettori

Un'ombra sul lago
Libro coinvolgente, letto tutto d'un fiato, storicamente ineccepibile, lo dedicherei ai giovani di oggi, che sappino. Attendiamo il prossimo dall'autore.
Francesco, Amazon (08-09-2020)

Un'ombra sul lago
Ambientato a Lugano negli anni 30, con il nazismo alle porte, è un buon poliziesco con un commissario (il "delegato") vecchio stampo.
Cliente, Amazon (30-08-2020)

Un'ombra sul lago
Un bel giallo: elegante, mai sopra le righe, mai cadute di stile. La storia è originale e molto avvincente. Stupenda l'ambientazione nella Lugano degli anni '30, ineccepibile da un punto di vista storico. Si legge tutto di un fiato. Lo consiglio.
Ginevra, ibs (29-08-2020)

L'angelo del lago
Libro interessante e piacevole, che fornisce una buona ricostruzione storica dei fatti, ma non trascura il fattore umano. Ancora una volta la figura del Beretta coglie nel segno.
Lor dp, Amazon (28-08-2020)

Un'ombra sul lago
Bella la storia è ben scritta. Coinvolgente si legge d’un fiato per scoprire la sorte di Ombretta. Tra i migliori libri trovati in Amazon Prime.
Roberto.beltritti, Amazon (25-08-2020)

Il Bosco del Grande Olmo
Libro che consiglio ad adulti e ragazzi. Questo racconto ti porta, con la fantasia, a vivere l'avventura insieme ai protagonisti.
Michi Riva, Amazon (27-07-2020)

Un'ombra sul lago
Ho scelto di leggere questo libro senza conoscerne l’autore e senza quasi leggere la trama, attratta principalmente dall’ambientazione, e la mia “scelta al buio” è stata premiata. Dario Galimberti ci racconta una storia cupa sullo sfondo placido del lago di Lugano. Siamo nel 1934, ed il delegato Ezechiele Beretta si trova ad indagare sulla scomparsa di Ombretta, una bambina bionda che ci rimanda subito con la memoria alla piccola Maironi di Fogazzaro. La vicenda, narrata con una scrittura scorrevole, è coinvolgente. Bellissime le descrizioni dei panorami che circondano il lago, e di alcune vie e contrade della città che oggi non esistono più. A questo proposito all’inizio del libro potete trovare una piantina di Lugano negli anni trenta, mentre nelle ultime pagine è riportata una nota dell’autore che indica le vicende storiche da cui ha preso spunto. Non è difficile affezionarsi ai personaggi che popolano il racconto e provare empatia per loro. Per quanto riguarda il finale, non mi è sembrato né scontato né troppo affrettato nel portare la storia a conclusione, come spesso capita. Decisamente soddisfatta, leggerò altri libri di questo scrittore.
laSalaElena, ibs (15-05-2020)

Il calice proibito
Il calice di proibito è un thriller interessante, destinato ad un pubblico amante del genere ma che apprezzi anche sfumature di tipo storico e tecnologico. Una storia che galoppa lungo il tempo, portandoci nel passato e nel futuro, restando nel presente. Galimberti ammette che per il suo Il calice proibito si è ispirato ad alcuni personaggi del cinema, arte della quale è appassionato e che definisce «un gigantesco e infinito deposito di caratterizzazioni visive per ogni sorta di storia». Mia Gerwing è una giovane e brillante neolaureata in architettura, al suo primo prestigioso incarico. Le viene infatti chiesto di rilevare una domus romana ad Augusta Raunica, un sito archeologico svizzero fra i più importanti del paese. Terminato il lavoro, Mia si appresta a consegnare i suoi rilievi. Ma ciò che accade la notte prima della consegna la sconvolgerà. Alcuni ladri, infatti, entrano in casa della ragazza e cominciano a rovistare freneticamente per tutta casa. Non sono dei semplici malfattori, stanno cercando qualcosa di preciso. E quel qualcosa sono i rilievi della Domus Rhenus. Per Mia, adesso, tutto è rovinato.
Davide Albertin, Amazon (11-05-2020)

Il calice proibito
Molto bello ed e sempre interessante conoscere cose che non sapevo neanche l esistenza. Questa è la lettura che amo.
Antonella Servadio, Google Play (24-04-2020)

Il calice proibito
Lo sto ancora leggendo, avevo ormai perso da qualche tempo l'abitudine di leggere un buon libro, ma con questo ho ricominciato a farlo e non dormo la notte se prima non ho letto almeno una cinquantina di pagine. Che dire, mi tiene attacato alle pagine con il desiderio di continuare a leggere. Un romanzo molto interessante dal mio punto di vista.
Fabio, Amazon (12-04-2020)

Un'ombra sul lago
Non conoscevo questo scrittore ed è stato una bellissima scoperta. libro ben scritto, trama coinvolgente e realistica, mi ha tenuto col fiato sospeso fino alla fine.
V. Mattana, Amazon (01-04-2020)

L'angelo del lago
Appena terminato di leggere il bellissimo “L’Angelo del lago” di Dario Galimberti (per me prima lettura di questo autore): poliziesco lacustre molto ben costruito, con personaggi ottimamente delineati, ritmo perfettamente cadenzato e accurate descrizioni storico-architettoniche di una Lugano del passato. Consigliatissimo! Perla finale: la descrizione di ciò che sarebbe potuto diventare il quartiere di Sassello. E ora avanti con il prossimo titolo del medesimo autore.
Cagiallo, Instagram (12-03-2020)

Un'ombra sul lago
Un thriller intrecciato ad un evento storico realmente accaduto in una Lugano degli anni '30. Assolutamente da leggere.
Valentina, Goodreads (01-03-2020)

Un'ombra sul lago
Buongiorno parlo subito della mia lettura conclusa della notte... "Un' ombra sul lago" di @galimberti_dario edito @libromania_net . Lugano 1934, tentato rapimento di un bambino o frutto della fantasia di quest ultimo per nascondere una marachella? Il delegato Ezechiele Beretta, massimo esponente della polizia luganese si vede propenso ad optare per la seconda scelta sinché non si ritrova amaramente smentito quando, a pochi giorni dall' antefatto, la piccola Ombretta viene rapita in quella che sembra una tranquilla cittadina affacciata sul Ceresio.
books4hearts, Instagram (01-03-2020)

Un'ombra sul lago
Un thriller storico ambientato nella Lugano degli anni '30. Stile elegante, lettura davvero gradevole. Si legge in un fiato
Sabrina, Amazon (26-01-2020)

L'angelo del lago
L’ottima prova di un buon autore. Lo consiglio.
Lettrice S., Amazon (18-12-2019)

Un'ombra sul lago
Comprato per caso, superlativo, trama avvincente, ambientato in una Lugano del passato che è interessante da scoprire anche per i non luganesi.
Irene, Amazon (22-11-2019)

Un'ombra sul lago
Molto scorrevole, molto umano. Il contorno, che a tratti potrebbe sembrare ingigantire alcune vicende storiche, sembra avere l'effetto contrario di convincere il lettore.
Giovanna, Goodreads (10-11-2019)

Un'ombra sul lago
Libro molto interessante, argomenti di storia reale, in un contesto di vita semplice, appena trascorsa, diciamo. Ottimo, da leggere senz'altro
Gianni G., Kobo (01-10-2019)

Un'ombra sul lago
Una lettura ricca di dettagli di emozioni in un passato di sentimenti forti di storie vere. Un animo sensibile nascosto sotto una divisa.
Alessandra, Kobo (22-09-2019)

Un'ombra sul lago
Bel giallo in un certo senso senso "storico", per lo meno verosimilmente storico. Ambientato in un periodo decisamente nero nella storia d'Europa, gli anni '30, ci riporta alle crudeltà e alle atrocità che qualcuno ancora vuole stoltamente negare
Donatella, Amazon (10-09-2019)

Un'ombra sul lago
Mi è piaciuto, ed è dir poco, il libro di Dario Galimberti che ha vinto la terza edizione di 'Fai viaggiare la tua storia'. "Un'ombra sul lago", pubblicato da Libromania. Il lago è quello di Lugano, e lì è ambientata la vicenda. Nel 1934. Ho potuto immergermi nel quartiere del Sassello di Lugano, ora scomparso, sentire le atmosfere di un mondo povero e di uno meno povero, fino a dirmi che il mondo svizzero, da me chissà perché immaginato a Lugano e dintorni sempre ben ricco, ha avuto e ha ombre, come dappertutto. Il nome dell'oggi commissario, allora chiamato 'signor delegato', è straordinario: Ezechiele. Per gli amici Zechi. La pepa tencia, la donna di picche nel gioco delle carte, mirabile la descrizione dei bar fumogeni d'allora, e lo sfrusaduu, il contrabbandiere o la tazzin per bere il vino e il tirasass e, come dimenticarlo, il coniglio Nerofumo che volteggia nella gabbia come un matto, che sta per essere accoppato da mano contadina ed è cosciente di fare una bruttissima fine: "... pareva persino che avesse chiuso gli occhi, così da non vedere...". Suggestiva l'immagine dei bambini nella neve "che incuranti del freddo si lasciavano cadere di schiena negli spazi immacolati e con vistosi movimenti di braccia e gambe creavano bassorievi di angeli effimeri". Straordinaria anche la storia che si dipana nel Sassello, sfiorando il confine italiano con turrite postazioni di cui non voglio svelare altro per l'interesse di chi leggerà. Dirò soltanto che è venuto a galla, come pietra che non dovrebbe risalire con uno strattone ma levigarsi nel tempo, il ricordo di mio padre finito prigioniero a Buchenwald. Grazie, Dario Galimberti
Irma Cantoni, Facebook (27-08-2019)

Un'ombra sul lago
Libro letto tutto di un fiato, scritto bene, una bella storia, lettura molto scorrevole, lo consiglio
Samantha, ibs (26-07-2019)

Un'ombra sul lago
Un giallo fresco che sembra una canzone, che non lascia mai il lettore, fino all'ultima pagina. Una storia semplicemente geniale
Niki, Amazon (25-07-2019)

L'angelo del lago
L'ambientazione in una Lugano d’inizio ‘900, suggestiva e spesso tanto reale da farne cogliere luci e profumi, porta la vicenda narrata ad un livello di realtà che permette al lettore d’immedesimarsi con i protagonisti - un commissario indomito e un giovane e giusto gendarme - , cogliendone anche i pensieri più intimi e la delicatezza d’animo che spesso ne trapela. Interessante la storia di Sassello e i retroscena storico- urbanistici di cui l’Autore parla in un’appendice al romanzo. C'è tutto: storia, umanità e delicatezza. Un libro ben scritto, da leggere.
Stefania Dolcino, Amazon (08-06-2019)

L'angelo del lago
L'ambientazione del libro: Lugano anni 30/40 è davvero suggestiva per un giallo che si snoda tra vecchi vicoli, case fatiscenti, in contrasto con la ricca borghesia dei quartieri "alto locati". Scritto bene, molto scorrevole. Lo consiglio sicuramente a chi vuole leggere un buon giallo.
Giò, Amazon (03-06-2019)

Il Bosco del Grande Olmo
Il Bosco del Grande Olmo mi ha fatto capire tante cose. Mi ha dato degli spunti che mi hanno fatto ragionare proprio sulla vita. Sul modo di rapportarsi tra uomini e natura. Tra uomini e tecnologia.
Francesca, LaEffe, LETTORI YOUNG (03-04-2019)

L'angelo del lago
È un romanzo sottile ed elegante un giallo con colpi di scena e fatti salienti eppoi i protagonisti; così diversi così uguali
Luciano, Amazon (20-01-2019)

L'angelo del lago
Tutto sommato ti tiene anche catturato almeno nel punto in cui si dipana la matassa del giallo ambientato (e questo mi è piaciuto molto) in un quartiere demolito e quindi perso nella storia. Non conosco la città ma apprezzo l'idea di fare rivivere tradizioni e cultura che si sono perse. La storia in se non è nulla che non si possa aver già letto ma c'è del garbo e del mestiere nella stesura. Consigliato
Daniele, Amazon (11-11-2018)

L'angelo del lago
Gran bel libro, scrittura fluida, cortese nel porsi ed un giallo intrigante, che di riporta al rispetto dei ruoli e delle tradizioni.
Ivana, Amazon (24-10-2018)

L'angelo del lago
Giudizio sicuramente positivo sia sul modo di scrittura che sulle dinamiche delle varie scene del libro. Infatti benche sia un giallo che potrebbe ricordare altri romanzi, lo scrittore riesce a creare quella suspance ed attaccare il lettore alle pagine. Sicuramente consigliato..
Alessandro Guattari, Amazon (03-10-2018)

L'angelo del lago
Libro bello da leggere un giallo interessante ben scritto. Ambientato in altri tempi ma attuale per molte cose come gli arrivisti che commettono cose gravi pur di sentirsi importanti
Maria amante dei gialli, Amazon (13-09-2018)

L'angelo del lago
Molto molto bello,raramente si trovano libri cosi appassionanti, storia affascinante e commovente, consigliatissimo ! Raramente recensisco i libri ma questo mi ha talmente appassionato che non potevo fare a meno di consigliarne la lettura !
Maurizio, Amazon (09-06-2018)

L'angelo del lago
Ho apprezzato molto l'ambientazione nella cittadina di Lugano negli anni trenta: Gallimberti descrive con cura i luoghi ma anche una realtà storica che è spesso toccante. Bella la relazione tra i due personaggi principali. Il libro si legge con piacere, fluisce verso il finale, triste. Avrei voluto poter aggiungere qualche pagina per continuare a godere di quel mondo.
Sheila, Amazon (04-09-2017)

Il calice proibito
Anche se la protagonista ad un certo punto afferma: "...non siamo in un film della Disney..." questo piacevole romanzo ha tutte le caratteristiche di uno dei film di casa Disney adatto alle famiglie, quindi ne consiglio la lettura ai bambini, anche non accompagnati, e agli adulti.
Emtes, Amazon (28-08-2017)

L'angelo del lago
Atmosfere d'altri tempi di un piccolo mondo moderno. Una Lugano in giallo negli anni 30, intrigante quanto basta per una lettura scorrevole e d'un fiato con finale a sorpresa. Consigliato a tutti, adulti e adolescenti.
Cliente, Amazon (22-08-2017)

L'angelo del lago
La vicenda si svolge in una Lugano di altri tempi. Suggestiva l'ambientazione dei fatti che portano il carismatico commissario Beretta a svolgere le sue indagini fino a Milano per dare un senso alla misteriosa scomparsa di Eleonora. Un giallo emozionante ricco di personaggi il cui destino sarà segnato per sempre dalla vicenda di cronaca nera che tanto ha scosso la tranquilla quotidianità di un' intera città. Semplicemente bellissimo, lo consiglio.
Emily, Amazon (05-08-2017)

Il calice proibito
Opera intrigante basata su fatti e luoghi realistici che inducono inizialmente il lettore a pensare che si tratti di un storia vera. Il ritmo con cui si sviluppa l'opera è accattivante e invita a una lettura assidua.
Cormorano47, Amazon (20-07-2017)

Lo chiameremo Argo
L'ho scritto su Fb, lo riscrivo: Bello bello bello, dolce puro, un libro per i piccoli e per i grandi.
Cliente, Amazon (01-09-2016)

Il calice proibito
Avvincente e credibile. Romanzo ben costruito con trama, personaggi e ambientazioni del tutto plausibili e convincenti. Una bella lettura. assolutamente consigliabile
Walter Montorsi, Amazon (27-02-2016)

Il calice proibito
È sicuramente un libro con molte nozioni storiche. È ricco di suspense fino all'ultima pagina, non annoia mai. Lo cosiglio sicuramente.
Gloria, Amazon (01-09-2015)

Il Bosco del Grande Olmo
Fra Tolkien e Pullman questo fantasy spazia fra mondi paralleli e intrighi internazionali dove un gruppo di ragazzini è destinato a salvare il mondo. Un bel libro per ragazzi che può piacere anche agli adulti. Io l'ho molto apprezzato. Da leggere.
Francesco, Amazon (20-07-2015)



Gallery

Il giallo come romanzo sociale, Lugano 2020

Il giallo come romanzo sociale, Lugano 2020